venerdì 16 giugno 2017

Recensione: "Fregiate virtù ed incoffessati vizi" - Monika M.

Titolo: "Fregiate virtù ed incoffessati vizi"
Autrice: Monika M.
Editore: PubMe

Londra 1813. Nel prestigioso salone di Lady Heathcote, sono riuniti nobili e persone di alto rango. Le donne si muovono nella sala con i loro vestiti ingombranti, ostentando la loro posizione sociale e spettegolando. In disparte c'è una giovane ragazza che osserva tutto ciò che accade nella sala, lei è Miss Cécile Juliette Lefebvre, nipote di Lady Heathcote. La ragazza è appena arrivata dalla Francia e il suo intento è di passare inosservata, vestendo abiti semplici ed emanando modestia e semplicità. Non lasciatevi ingannare, la ragazza non è una sprovveduta, al contrario è molto intelligente e brillante.
Il protagonista del salone è il dandy inglese, raffinato e tenebroso Lord Byron. Tra le dame c'è grande fermento di chiacchiere, perché la sua amante Lady Carolina Lamb è tornata in città. Il marito l'aveva allontanata, dopo aver scoperto la loro relazione. La lontananza ha accentuato e riacceso la passione della donna per l'uomo, mentre il dandy è freddo e distaccato, stanco di questa relazione.
Durante il ricevimento non presta minimamente attenzione alla donna, che invece sente divampare dentro di sé la passione e il desiderio per quest'uomo e come ultimo atto estremo per attirare la sua attenzione, minaccia di tagliarsi i polsi, interrompendo così il ballo di Lord Byron con Cécile Juliette.
Cécile Juliette? Sì, proprio colei che voleva passare inosservata, è riuscita ad attirare l'attenzione dell'uomo, ma lui sa come farsi desiderare. La ragazza, infatti, si sente attratta dal modo di fare di Lord Byron e vuole conquistarlo. Sa bene che riuscire a farlo non è semplice, capirà che non è con la virtù che riuscirà a farsi notare. La conquista dell'uomo diventerà presto una gara, una partita dove l'avversario è più scaltro di lei e deve essere preparata più o meno a tutto, per non rischiare di cadere in un abisso da cui difficilmente riuscirebbe a venirne fuori.
Inizia così un gioco in cui lei cerca di studiare il suo avversario e le sue probabili mosse, mantenendo quello stato di virtù che tutte le donne dovevano avere per non destare sospetti e pettegolezzi. Quello che non sa è che il gioco è più grande e pericoloso di quello che pensa e molte sue mosse avranno risultati deludenti e pericolosi. La strada virtuosa si trasforma molto presto in un bosco oscuro e pericoloso, il timore di venire sbranata dal lupo è molto più reale di quello che pensa.
Accadrà qualcosa per cui Cécile Juliette cambierà completamente, diventando fredda, calcolatrice, vendicatrice, insensibile, piena di odio e prenderà pienamente la strada del vizio.
La ragazza brama il potere, il dominio, non ha più alcuno scrupolo morale e religioso e si lascia completamente andare al bisogno del vizio e...molte altre cose accadranno ma vi ho raccontato anche troppo. Quello che posso dirvi è di leggere il testo e scoprire da soli cosa è accaduto a Cécile Juliette e cos'altro accadrà in seguito.
È un libro dove il vizio e la virtù sono i protagonisti indiscussi del romanzo e l'autrice ci darà molte chiavi per riflettere a fondo su di loro, sull'ipocrisia e su cosa si cela dietro la maschera del finto perbenismo dell'epoca. Ma è anche la storia di un amore malato, dissoluto, complicato, instabile.
Monika M. scrive benissimo, regalandoci attraverso la sua scrittura e le descrizioni, la sensazione di essere realmente nel 1813. Il linguaggio è accurato e contestualizzato al periodo storico, la trama è accattivante e mai scontata, il tutto descritto e narrato in maniera elegante.
Ciò che ho apprezzato maggiormente è la complessa struttura psicologica dei protagonisti. Non è semplice riuscire a dare caratterialità, profondità, fragilità e spessore psicologico a dei personaggi così ambivalenti e forti e Monika M. ci è riuscita veramente bene.
Buona lettura!!


(Marianna Di Bella)

2 commenti:

  1. Bellissima trama mi ricorda i libri che leggevo da ragazzina ambientato nell'800😍😍😍😍 dev'essere in bel libro sono molto curiosa di leggerlo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...non aggiungo altro, ho detto anche troppo nella recensione :D

      Elimina

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy