mercoledì 11 marzo 2020

Recensione: "Malalai. Il viaggio di una donna lbera" - Ortensia Visconti


malalai, il viaggio di una donna libera, recensione, libri il nostro angolo di paradiso, libro, donna, mdb, viaggio, libertà

Titolo: "Malalai. Il viaggio di una donna libera"

Autrice: Ortensia Visconti

Editore: Rizzoli





In bilico tra il mare e la terraferma, tra la vita e la morte.
In bilico tra il passato e il presente, tra l'essere se stessi e come gli altri ci vedono.
In bilico tra due culture, due lingue diverse, due paesi.
In bilico su un precipizio a guardare il fondo, in cerca di se stessi e della propria identità. In balia di sentimenti contrastanti, che rendono gli individui insicuri, arrabbiati, sfiduciati perché non riescono a riconoscersi in nulla. La situazione è doppiamente critica quando questa insicurezza nasce dalla consapevolezza di sentirsi fuori posto, di non riconoscersi nella cultura di appartenenza e in quella di adozione. Estranei agli occhi degli altri, della propia nazione e di se stessi.
La propria identità è divisa in due parti che non coincidono: ciò che si era non collima con ciò che si è diventati. Si tenta di trovare un giusto equilibrio, ma non è facile, perché spesso sono le persone che li circondano a non riconoscerli e accettarli. Nascono così frustrazione, incomprensione, rabbia, insicurezza. Emozioni difficili da gestire e affrontare, soprattutto se si è poco più che adolescenti, si è soli in un paese straniero dopo aver affrontato un viaggio lungo e pericoloso in mare per cercare la salvezza e la prospettiva di un futuro migliore.
È ciò che capita a Malalai, una giovane ragazza afgana di 17 anni. La ragazza arriva in Italia da sola, dopo aver affrontato il lungo viaggio della speranza per sfuggire alla guerra, che da più di vent'anni colpisce la sua amata terra. Ha affrontato molti pericoli, gli attacchi dei talebani, il viaggio in mare, tutto pur di giungere in Italia e costruire una nuova vita fatta di speranza e serenità. Ma la realtà è ben diversa da ciò che aveva immaginato e idealizzato, ma andiamo con ordine e...vedete quel barcone in mezzo al mare, in balia delle onde e di un mare capriccioso e non sempre rilassante? Ecco, su quel barcone c'è la nostra protagonista, sola e circondata da persone estranee accomunate dalla stessa disperazione, paura e voglia di sopravvivere. Terrorizzati dalla Marina Militare che potrebbe spezzare temporaneamente i loro sogni, bloccando il viaggio e riportandoli indietro, in un paese dove la loro sorte è segnata da arresti, torture e sofferenze. Ma questo non li fermerà, perché molti di loro tenteranno di nuovo la traversata in mare pur di sfuggire alla morte e alla guerra che imperversano sulle loro terre.
Malalai è lì seduta tra uomini e donne silenziosi, chiusi nel loro mondo e nei loro pensieri, ripensando a ciò che hanno lasciato, famiglie, figli, mogli, mariti, persone che amano e che non rivedranno per molto molto tempo. Anche la ragazza ha lasciato il suo cuore oltre quel mare, in una terra che ama profondamente ma da cui è dovuta fuggire per continuare a vivere. Ripensa ai profumi dei fiori, agli odori dei cibi che ama ma, soprattutto, pensa a suo padre Nur che ha fatto di tutto pur di farla scappare.
Nata e cresciuta in Afghanistan, non ha conosciuto altro che la guerra e i continui cambi di governo, alternati a dittature, occupazione russa, talebani ecc. La ragazza non ha mai conosciuto la libertà, la sua vita è sempre stata scandita dal rumore degli spari e delle bombe. Malalai non è mai stata libera di studiare, di esprimere le proprie idee, i propri pensieri. Non è mai stata libera di essere donna...di essere se stessa. Però rispetto alle altre donne, ha avuto la fortuna di crescere con un padre, professore universitario, che non le ha imposto nessun obbligo, al contario, l'ha cresciuta insegnandole tutto ciò che poteva, dalla matematica alla filosofia, trovandole insegnanti privati che sopperissero alle sue mancanze in altre materie, rendendola libera nel pensiero e nel ragionare. Le ha insegnato l'italiano, a confrontarsi con un'altra cultura, le ha donato tutte le carte per poter avere una mente più aperta e moderna.

“Hai sofferto e sei diventata più forte. Sei viva perché ce la devi fare. Devi farcela perchéin troppi sono morti, come se la vita nel nostro Paese non valesse niente. La vita per te ha un valore immenso, Malalai. Ovunque tu sia.”
(citazione tratta dal testo)

Malalai è figlia unica ed ha perso la madre quando aveva solo tre mesi. La madre era una donna particolare, anticonformista e anticonvenzionale. Sfidava apertamete i poteri alti e gli uomini vestendo come loro, guidando la moto, ribellandosi alle costrizioni dei dettami islamici. Una donna che ha seguito se stessa, vivendo liberamente e lottando strenuamente per suoi diritti di donna libera.
Una madre la cui assenza pesa gravemente sulla crescita della ragazza, infatti, sente fortemente la mancanza di gesti d'affetto, di abbraci, coccole, di un confronto femminile anche se il padre è molto attento e aperto a ogni sua esigenza, facendola crescere il più possibile libera intellettualmente e sognando per lei un vita diversa. E quando le cose si complicano, sarà il padre a decidere di farla fuggire in Italia, dandole l'indirizzo di una persona che potrà aiutarla: il maestro.

“...non ricordo la sua voce, la pressione delle sue carezze, la temperatura del suo corpo, i suoi umori,le sue cure...La mancanza è incomabile, dà le vertigini”
(citazione tratta dal testo)

Inizia così il viaggio di Malalai verso la salvezza, la scoperta del suo passato e di se stessa. Perché ogni viaggio è sinonimo di cambiamento. Cambia la visione di se stessi e del mondo e la ragazza inizierà un percorso di trasformazione e mutamento a cui assisteremo grazie alla narrazione coinvolgente e intensa di Ortensia Visconti.
L'autrice ha costruito un romanzo equilibrato in ogni sua parte, riuscendo a inserire al suo interno molti temi seri e interessanti. In maniera semplice, diretta e comprensibile è riuscita a spiegare avvenimenti politici, culturali e religiosi complessi per chi non ha dimestichezza o una minima conoscenza della situazione afgana. Il suo modo di esporre e narrare i fatti si rivela facile, chiaro e coerente al contesto narrativo. Le sue esposizioni non sono mai pesanti, noiose o troppo difficili e questo ci permette di comprendere meglio la complessità politica e culturale dell'Afghanistan, avendo una visione più chiara sulle diatribe interne, le guerre civili, i talebani e la difficile condizione della donna, in un paese che cerca di annullare in ogni modo la sua identità, celandola al mondo intero e a se stessa. Per queste donne è sempre più difficile esprimere il proprio pensiero o decidere liberamente, costrette a obbedire alla famiglia di origine o al marito, obbligate a contrarre matrimoni con uomini più anziani. Donne oppresse, schiacciate, calpestate nei più semplici diritti. Donne la cui unica libertà acquisita è quella di dare fuoco al proprio corpo per ribellarsi a quei matrimoni combinati che non accettano. Una forma di ribellione attraverso cui gridare il proprio dolore. Bruciare se stesse, il proprio corpo, la propria vita, affidando alle fiamme la propria disperazione. Bruciare è il solo atto che le rende libere di scegliere se vivere o morire. Le fiamme diventano così il simbolo delle loro sofferenze e di quelle voci silenziose che invece si alzano forti e incandescenti. Una pratica che si sta diffondendo sempre di più e che non può non toccarci nel profondo della nostra anima e l'autrice riesce a inserire tutto questo in maniera emozionante, affrontandolo con delicatezza, sensibilità ma anche fermezza e decisione.

“Ora sei la donna invisibile,. Nessuno ti guarda, nessuno ti parla, nessuno si accorge della tua presenza tranne tuo padre. A poco a pocola tua personalità si stempera fino a sprofondare nel nlulla. È una tecnica per annientarci, per renderci depresse croniche ed esorcizzare la paura che la donna provoca in loro.”
(citazione tratta dal testo)

Il libro si divide su due piani temporali, passato e presente, che si alternano tra un capitolo e l'altro svelandoci piano piano la vita di Malalai. Due piani temporali che ci aiutano a riflettere sulle diversità politiche, culturali e religiose di una nazione, ma anche sulla difficile e pericolosa condizione di vita di alcune popolazioni e sui tentativi di fuga e salvezza. Aiutandoci a immedesimarci nell'Altro, comprendendo la difficile situazione degli immigrati e le difficoltà di adattamento, di appartenenza, e spaesamento che ognuno di loro vive sulla propria pelle. Malalai è il mezzo attraverso cui comprendere tutto questo, entrando in un rapporto empatico tale da sentire il suo senso di insicurezza e paura. La ragazza si sente fuori posto sia nel suo paese che in quello di adozione che mal tollerano le sue idee moderne e libere, il suo atteggiamento e non la supportano nei suoi tentativi di adattamento. Cosa dovrebbe fare? Dividersi e non riconoscersi in nessuna delle due culture? Scegliere tra l'una e l'altra? O trovare il giusto equilibrio portando un arricchimento e una crescita personale unica?
Travare la giusta riposta spetta a voi, io posso solo aggiungere che i personaggi sono tutti ben costruiti, ognuno con una personalità ben definita e coerente alla loro posizione nel romanzo. I tratti psicologici più interessanti sono quelli di Nur, il padre, e Malalai. La loro costruzione psicologica è un viaggio intimo nell'anima di due persoanggi che conquisteranno i cuori del lettori grazie alla loro delicatezza, sensibiltà e forza d'animo.
La lettura è scorrevole, elegante, leggera e intensa al tempo stesso. Una narrazione che sa colpire il lettore coinvogendolo per tutta la durata del libro, tenendolo legato alle sue pagine dall'inizio alla fine, trasportandolo in un viaggio unico ed emozionate. Un viaggio che vi consiglio di intraprendere e, credetemi, una volta terminato non sarete più gli stessi o meglio il vostro sguardo sarà diverso e la vostra anima più ricca.


“La libertà (…) non è un traguardo, ma il percorso che s'intraprende per raggiungerla.”
(citazione tratta dal testo)

Buona lettura!



(Marianna Di Bella)



Prodotto fornito dalla casa editrice Rizzoli

venerdì 6 marzo 2020

Recensione: "Il tempo degl uomini" - Chiara Babeli

il tempo degli uomini, libri il nostro angolo di paradiso, mdb, recensione, seconda guerra mondiale, memoria storica, ricordi,
Titolo: "Il tempo degli uomini"

Autrice: Chiara Babeli

Editore: Epika Edizioni




Per comprendere chi siamo, dobbiamo recuperare le nostre radici, perché solo il passsato è in grado di rappresentare al meglio i momenti importanti che hanno permesso ai nostri avi di costruire quel bagaglio culturale, storico, emozionale e psicologico che delineano i momenti salienti della nostra famiglia, i nostri tratti genetici, la nostra figura, i nostri profili. Conoscere la nostra memoria storica, vuol dire ritornare indietro nel tempo per guardare a un passato a noi sconosciuto, e per certi versi incomprensibile, perché il gap storico e culturare tra noi e i nostri avi e ampio e profondo. Un gap che ci mostra un contesto storico diverso, difficile, come ad esempio quello dei nostri nonni cresciuti durante il secondo conflitto mondiale, distruggendo il periodo della loro adolescenza, fatta di sogni, speranze e obiettivi da raggiungere. Cresciuti con la certezza di un futuro instabile, incerto, soffocato da un presente minaccioso, dove morte e distruzione, protagoniste assolute del periodo, tengono in scacco le vite di milioni di persone che in poco tempo hanno visto disintegrarsi ogni sogno o progetto di vita. Per questo è importante recuperare la memoria storica, per aiutare la nostra generazione, e quella futura, a comprendere meglio, non solo le differenze sociali e culturali, ma anche gli sbagli e le sofferenze che i nostri nonni hanno subito, affrontato e commesso, ricordandoci quanto sia importante dare il giusto valore e il giusto tributo a donne e uomini che hanno lottato per difendere i propri valori, per sopravvivere e andare avanti nonostante tutte le avversità.

“Finita quella maledetta guerra tutti cantammo e festeggiammo per le strade, tutti eravamo allegri, anche se nel cuore portavamo la morte di molte persone care."
(citazione tratta dal testo)


Chiara Babeli, autrice di questo libro, ha cercato di recuperare la memoria storica degli abitanti di Prignano sulla Secchia, regalando ai suoi abitanti e ai lettori, testimonianze di un periodo storico che ha toccato tutti noi da vicino, devastando non solo il nostro Paese, ma le vite di molte persone, distruggendo sogni, speranze e esistenze.
L'autrice ha fatto un grande lavoro di recupero storico, andando direttamente alle fonti, intervistando uomini e donne che, durante il secondo conflitto mondiale, hanno vissuto esperienze dirette con l'occupazione tedesca, con i partigiani, la miseria e i bombardamenti.
Il testo ospita al suo interno 11 testimonianze. 11 storie che riemergono con forza dal passato, dando voce a ricordi, emozioni, sensazioni tenute nascoste per anni. Ricordi celati volutamente per dimenticare ogni brutalità, o sofferenza che hanno modificato e influenzato le vite e l'anima dei protagonisti. Perché dimenticare ha rappresentato per loro l'unico modo per sopravvivere, tenendo a bada tutti quei fantasmi del passato che inaspettatamente riemergevano riportando a galla dolore e umiliazione.
6 donne e 5 uomini che hanno dato voce ai loro ricordi, facendoli riemergere da quegli angolini della loro anima dove li avevano riposti, chiusi e sigillati. Hanno riaperto le porte del loro passato, permettendoci di entrare e conoscere le sofferenze e le miserie del secolo scorso. Donne e uomini che hanno parlato in maniera spontanea e libera di vite vere e autentiche, fatte di gesti semplici, sentimenti genuini accompagnati da episodi di coraggio, forza e tenacia. Determinati a sopravvivere e resistere alle brutture della guerra, della vita, sempre legati a quel filo di speranza che aleggia in tutte le testimonianze e nelle vite dei protagonisti.

“Mantengo vivo il ricordo, per non sentrimi smarrita.”
(citazione tratta dal testo)

Quando l'Italia entra in guerra, nel 1940, molti dei nostri protagonisti sono poco più che adolescenti, giovani uomini e donne che si stanno affacciando a una vita diversa, fatta di progetti, sogni, lavori per sfuggire a quella povertà che li ha visti nascere e li ha accompagnati durante l'infanzia, costringendoli a lasciare la scuola per lavorare nei campi o in casa, aiutando la famiglia a sopravvivere all'estrema indigenza.
Con l'entrata in guerra molti ragazzi sono costretti a partire al fronte scontrandosi con una realtà brutale, fatta di morte e devastazione. Vedranno compagni morire davanti ai loro occhi, conosceranno paesi con culture e mentalità diverse, vivranno esperienze traumatiche, immagazzinando ricordi belli e e brutti. Con l'armistizio dell'8 settembre 1943, alcuni di loro entreranno nei gruppi di partigiani, mentre altri verranno fatti prigionieri e trasferiti nei campi di concentramento dove subiranno ogni tipo di umiliazione, soffriranno la fame e vedranno perdere il rispetto per se stessi e la propria dignità di essere umano.

“(...) Non eravamo nemmeno più uomini, non riuscivamo a pensare, a concentrarci, a sentire qualche emozione che fosse il dolore, a volte non sentivamo proprio nulla e l'unica ossessione costante nelle nostre teste era il cibo.”
(citazione tratta dal testo)

Mentre le donne, rimaste a casa, vivranno a stretto contatto con l'occupazione tedesca, i bombardamenti, la fame e gli scontri tra partigiani e esercito tedesco.

“Neanche per noi donne comunque la vita era semplice e bisognava stare attente a quel che si diceva e con chi lo si diceva: se scappava detto qualcosa di storto i tedeschi portavano in Germania, altrimenti c'erano i partigiani che castigavano pure loro. Correvano tante voci di donne che erano state catturate come staffette partigian ed erano state ammazzate. Quelle che parlavano coi repubblichini invece era sicuro che venivano rasate....”
(citazione tratta dal testo)

Donne e uomini che hanno cercato di lottare, sopravvivere e rialzarsi, fronteggiando la morte, la miseria, la paura, la sofferenza e le malattie tenendo sempre accesa la speranza.
Ogni capitolo del libro è la storia di una persona che, attraverso i suoi ricordi, ci accompagna in un viaggio nel passato regalandoci emozioni intense, scuotendo il lettore e tenendolo legato al libro perché l'interesse cresce di storia in storia.
Ho amato il testo, la sua costruzione narrativa e la capacità da parte dell'autrice di fare un passo indietro nella narrazione affidandola ai protagonisti, lasciandoli liberi di parlare ed esprimersi, rispettando i loro tempi, le loro emozioni e le loro identità.
Chiara Babeli fa riemergere il passato, regalandoci ricordi e memorie che tutti dovremmo recuperare e conoscere, perché solo attraverso il passato potremmo conoscere meglio il nostro paese e noi stessi.
Quindi prendete il libro e perdetevi tra le storie di uomini e donne che hanno cercato di vivere nonostante tutte le avversità che la vita ha posto lungo il cammino della loro esistenza. Ogni storia ci insegna quando sia importante resistere agli inconvenienti della vita, lottando con tutte le nostre forze per rialzarci e andare avanti, senza arrendersi.
Buona lettura!



(Marianna Di Bella)



Prodotto fornito da Il Taccuino Ufficio Stampa

lunedì 2 marzo 2020

Recensione: "Indomite. Storie di donne che fanno ciò che vogliono 1" - Pénélope Bagieu

Indomite, libri il nostro angolo di paradiso, mdb, recensione, graphic novel, fumetto, donne, mini biografie
Titolo: "Indomite. Storie di donne che fanno ciò che vogliono 1"

Titolo Originale: "Culottées, Tome 1 : Des femmes qui ne font que ce qu'elles veulent"

Autrice: Pénélope Bagieu

Editore: Bao Publishing




 
Esistono libri speciali che hanno il potere di regalare momenti di svago, tranquillità, ma anche attimi di puro divertimento e grandi riflessioni.
Libri in grado di regalare la giusta forza per riprendere in mano la propria vita, per inseguire i propri sogni e ritrovare se stessi.
Libri che, una volta aperti e sfogliati,sprigionano forza, ironia, determinazione, coraggio etc. Donano frasi incisive, immagini fortemente espressive e insegnamenti inaspettati.
Libri che entrano nel cuore, si accomodano in un angolino e non se ne vanno più.
Indomite” è una graphic novel in grado di entrare nell'anima del lettore e non uscirne più.
Un testo meraviglioso che racchiude al suo interno 15 mini biografie, narrate attraverso il fumetto. Un testo che prende per mano il lettore e lo accompagna in un viaggio colorato, ironico e emozionante alla scoperata di 15 donne poco note al mondo intero, che con la loro forza e caparbietà hanno cambiato la propria vita e in alcuni casi anche quella degli altri.
15 donne poco comuni, diverse, originali, speciali. Donne consapevoli dei loro difetti, determinate a perseguire i propri sogni, a realizzare se stesse andando contro tutto e tutti. Donne che hanno fatto della loro esistenza ciò che volevano, senza scendere a compromessi e senza alcun pentimento.
Le storie illustrate non sono troppo lunghe ma sono incsive nel messaggio che trasmettono, nel descrivere la loro vita e le loro azioni.
Pénélope Bagieu ha costruito il testo trovando il giusto equilibrio tra immagini e testi, utilizzando uno stile narrativo vero e diretto, senza filtri o maschere di finto perbenismo dietro cui nascondersi, al contrario la sua comunicazione diretta e senza peli sulla lingua, regala al lettore testi ironici, divertenti, pungenti e profondamente riflessivi.
L'autrice affronta in maniera lieve e con sensibilità molte tematiche femminili, accompagnate da quel pizzico di sarcasmo che rende il libro emozionane, frizzante, bello e coinvolgente.
Un testo che tutti dovrebbero leggere, perché è importante conoscere 15 donne che hanno cambiato la loro esistenza, ricordandoci quanto sia mportante lottare per i propri obiettivi, per ciò che si vuole senza cedere di un solo passo, senza arrendersi di fronte agli ostacoli che la vita ci pone davanti.
È importante accettare se stessi e far emergere il proprio valore e il propro ponteziale e non permettere a nessuno di dirci cosa possiamo fare e cosa no.
Non permettete a nessuno di definirvi.
Siate voi stessi...fate ciò che volete e inseguite i vostri sogni.
Buona lettura!!



(Marianna Di Bella)