martedì 20 giugno 2017

Recensione: "Il mio migliore amico" - Fabio Angelino

Titolo: "Il mio migliore amico"
Autore: Fabio Angelino
Editore: Lettere Animate Editore

 
Il dolore non avvisa quando arriva, non aspetta di essere invitato ad entrare, irrompe nelle vite delle persone, sconvolgendole e cambiandole radicalmente. Si insidia nelle loro vite e difficilmente le abbandona.
Il dolore pietrifica, indebolisce, soffoca e affievolisce la nostra vitalità. Con il tempo la sofferenza si fa meno evidente, si posiziona in un angolo e continua il suo logorio mentale e fisico. Dall'esterno sembra di essere riusciti a superare il tormento e il dolore, sembriamo forti ma non è così, semplicemente si impara a nascondere agli altri ciò che si prova. Si impara a conviverci e a volte arrendersi a esso.
Marco sa bene cosa vuol dire soffrire e convivere con il dolore. È entrato, ospite inatteso, quando lui era molto piccolo, assistendo impotente alla morte del fratellino più grande, Samuele.
Era un caldo giorno d'estate, i due bambini erano in salotto a giocare con un palloncino mentre i genitori erano impegnati a dipingere il bagno. Il palloncino, sfortunatamente, vola oltre la ringhiera del balcone e Samuele per riuscire a prenderlo, si sporge troppo cadendo giù. La scena si svolge davanti a un Marco sconvolto, pietrificato e muto di fronte alla catastrofe, ma dentro di sé urla tutto il suo orrore e la sua disperazione. Da quel momento il dolore si insinua nella sua famiglia, disgregandola. Come spesso accade, di fronte a traumi del genere, ognuno reagisce in maniera diversa, molti chiudendosi in se stessi; come fanno i genitori di Marco. Ognuno perso nel suo tormento, chiuso in se stesso, non comunicano più. La mamma perde vitalità, il suo cuore si pietrifica, mangia sempre meno e prende ansiolitici. Il padre invece diventa insicuro, fragile e molto spesso si lascia andare all'alcool.
Ognuno reagisce in maniera diversa ma tutti e due non prestano molta attenzione a Marco. Il bambino ha bisogno di conforto, fiducia, attenzione; è costretto a crescere e maturare prima dei suoi coetanei, ma dentro è e rimane un bambino in cerca di amore e attenzione.
Dopo due anni dalla tragedia, la mamma riprende a lavorare e il padre ottiene una promozione e questo comporta cambi di orari e di abitudini e Marco dopo la scuola dovrà andare dal nonno paterno fino all'arrivo del padre. Nonno che non vede dal funerale del fratello.
Il nonno è un tipo burbero, austero, freddo, algido ma è tutta apparenza e Marco lo scoprirà presto. Il nonno si dimostrerà una persona importante, gli farà amare la lettura senza imposizioni, gli darà importanti lezioni di vita, impareranno a conoscersi attraverso il silenzio entrando l'uno nel mondo dell'altro. Diventeranno migliori amici.
Grazie al nonno imparerà che la felicità è nelle piccole cose, come ad esempio vedere un film con qualcuno che si ama. Imparerà che nonostante i momenti di dolore c'è sempre qualcosa per cui vale la pena sorridere, un gelato, un amico perso e ritrovato; che la cura per rendere meno dura la vita è stare insieme e che anche nei posti sbagliati si possono trovare le persone giuste. E voi capirete che leggere questo libro è una delicata carezza per la vostra anima.
Un testo delicato, narrato altrettanto delicatamente e con eleganza da Fabio Angelino.
L'autore riesce attraverso la sua scrittura a creare uno stato di forte empatia tra il lettore e la storia. Non si può fare a meno di commuoversi e provare tenerezza per la trama, il rapporto tra nonno e nipote e soprattuto i sentimenti che ne scaturiscono.
Il testo non è mai banale o scontato, al contrario, riesce a sorprendere il lettore con un finale che non si aspetta. Ognuno di noi durante la lettura del romanzo, proverà nostalgia per le persone perse e per l'amore ricevuto da loro.
Un libro che consiglio a tutti e sono convinta che molti di voi ricorderanno i propri nonni e quello che di più bello hanno saputo lasciarci e insegnarci, l'amore per la vita, l'amore per la famiglia,...semplicemente l'amore.
Buona lettura!! 


(Marianna Di Bella)

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy