lunedì 20 maggio 2019

Recensione: "Sai che gli alberi parlano?" - Käthe Reiches - Georg Bydlinski

sai che gli alberi parlano?, libri il nostro angolo di paradiso, mdb, recensione, saggezza nativa, nativi americani, indiani d'america
Titolo: "Sai che gli alberi parlano?"

Autori: Käthe Reiches 
                     - 
            Georg Bydlinski

Editore: Il Punto d'Incontro




È difficile spiegare in poche parole la bellezza e la profondità della cultura nativa americana. Difficile spiegarla a chi non sa assolutamente nulla della loro storia, del rispetto per la Natura e la Madre Terra, delle diverse nazioni di cui si compongono, delle differenti lingue e tradizioni e del loro passato. Un passato segnato da genocidi, espropriazione delle loro terre e annientamento della loro cultura. Un passato composto da tantissimi avvenimenti tragici, che osservati e studiati attentamente, ci presentano molte verità che si sono avverate negli anni. Quali? Be' basti pensare agli avvertimenti all'Uomo Bianco sullo sfruttamento della terra e delle sue risorse.
Parole profetiche che oggi riecheggiano con forza e determinazione, scontrandosi con la dura realtà che vede la natura ribellarsi all'uomo e al suo continuo e indiscriminato sfruttamento.

Tutti noi dobbiamo imparare a vederci come parte di questa Terra, non come un nemico, che viene dall'esterno e che cerca d'imporre la sua volontà. Noi, che conosciamo il Segreto della Pipa, sappiamo anche che, in quanto parte vivente di questa Terra, non possiamo farle violenza senza ferire anche noi stessi.”
(Cervo Zoppo)

All'interno di questo testo, sono molti i passaggi che ci ricordano questo rapporto conflittuale tra l'uomo e la Natura, ma ci regala anche molto altro, primo fra tutti le foto meravigliose di Edward Curtis che ha cercato di immortalare, non solo la vita dei nativi, ma la loro fierezza e il loro coraggio, mantenendo vivo il loro spirito.

Io sono come un orso
Con le braccia tese in altro
aspetto il sorgere del sole.”
(Canto di un Guerriero Pawnee)

Ogni frase, poesia, canto o pensiero presente nel libro, è accompagnato da foto, brevi biografie degli autori dei pensieri e da alcune piccole note informative sulle nazioni o tradizioni che compongono la cultura nativa americana, regalandoci un quadro più omogeneo e ampio della loro cultura.

(...)
Possa io camminare lieto sotto la nube di pioggia.
Possa io camminare gioioso nella pioggia rinfrescante.
Possa io camminare sul sentiero del polline che dona la vita.
Possa io camminare colmo di gioia.
(...)”
(Canto cerimoniale dei Navajo)

Il libro è interessante e coinvolgente, indicato a tutti coloro che sanno poco dei nativi americani, aiutandoli ad avvicinarsi a piccoli passi a una cultura complessa, ricca di storia e tradizioni.
Un testo poetico e profondamente rispettoso della natura e di tutti gli essere viventi.
Un testo che vi invito a leggere per scoprire una cultura meravigliosa in grado di insegnare molto, arricchendo la nostra anima.

Io sono nato libero,
libero come l'aquila,
che vola sopra il grande
cielo azzurro;
un vento leggero sfiora il suo volto.
Io sarò libero.”
(Dion Panteah, 15 anni)


Buona lettura!!



(Marianna Di Bella)

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy