martedì 28 maggio 2019

Recensione: "La vittima perfetta" - Robert Bryndza

la vittima perfetta, thriller, libri il nostro angolo di paradiso, recensione, erika foster,
Titolo: "La vittima perfetta"

Autore: Robert Bryndza

Editore: Newton Compton Editori




In una notte calda e afosa di giugno, un uomo viene brutalmente ucciso all'interno della sua abitazione. L'assassino è entrato indisturbato, ha agito senza fare alcun rumore lasciando pulita la scena del crimine. Nessuna traccia che possa ricondurre alla sua identità. Un assassino efficiente e silenzioso.
L'indagine viene affidata a Erika Foster e alla sua squadra investigativa, ma il caso si rivelerà difficile sin dall'inizio. È un omicidio passionale o una rapina finita male? Chi ha ucciso il medico Gregory Munro?
Gli investigatori brancolano nel buio, fino a quando un secondo omicidio non li porterà a cambiare completamente il percorso delle loro indagini. Il modus operandi è lo stesso, il che vuol dire che un serial killer si aggira tra le strade di Londra prendendo di mira uomini single. Perché? Chi si nasconde dietro la misteriosa identità dell'omicida? Be' questa volta non dovrete far emergere le vostre doti investigative per svelare la misteriosa identità, perché Robert Bryndza ha deciso di impostare questo nuovo romanzo svelando subito l'identità dell'assassino. L'autore ha dato spazio alla sua complessa figura, dedicandogli alcuni capitoli e facendolo parlare in prima persona, permettendoci, in questo modo, di entrare nella sua psiche e nelle sue elucubrazioni, facendoci conoscere le motivazioni che lo spingono a uccidere. Un modo per comprendere la sua complessa struttura psicologica.
La rabbia e il dolore sono gli elementi che alimentano e mettono in moto il desiderio di vendetta, che diventa sempre più forte e ossessiva. Per quale motivo vuole vendicarsi? Come sceglie le sue vittime?
Erika e la sua squadra avranno molto lavoro da fare e altrettanti ostacoli da superare, soprattutto burocratici. Anche questa volta, la donna verrà osteggiata e bloccata dai giochi di potere presenti all'interno del corpo di polizia.
Riuscirà Erika a superare l'ennesimo problema e a trovare l'assassino? Come sempre vi basterà seguire la sua squadra e le parole dell'autore che vi condurranno all'interno di un thriller interessante e coinvolgente. Rispetto agli altri due romanzi, questo l'ho trovato più intrigante e a dispetto delle critiche lette in Rete sulla scelta, da parte dell'autore, di svelare subito l'identità del serial killer, io ho apprezzato questa decisione, perché oltre ad essere funzionale al testo, mi ha permesso di comprendere meglio la complessa figura dell'omicida. Capirne il passato, le ferite fisiche e psicologiche che si porta dietro, la fragilità emotiva e psichica, e la complessità caratteriale permettono di avere un quadro completo ed esaustivo del personaggio. Un quadro che permette al lettore di andare oltre la superficie delle cose, comprendendone i comportamenti, le azioni e le sue conseguenze.
Come sempre Robert Bryndza ci regala una lettura piacevole e scorrevole, un momento di pura evasione in cui la figura dell'ispettore Erika Foster emerge rispetto agli altri personaggi. La sua determinazione, la sua caparbietà, la sua intolleranza verso le perdite di tempo e i giochi di potere si scontreranno di nuovo e inevitabilmente contro le alte sfere che non esiteranno a punirla...purtroppo, a lungo andare questo filone diventa ripetitivo e noioso, trasformando la protagonista una moderna Don Chisciotte che lotta contro i mulini a vento delle gerarchie. Va bene al primo romanzo, comprensibile al secondo, ma al terzo libro risulta fastidioso e noioso.
Se cercate un libro piacevole e di pura evasione, se amate capire la complessa figura psicologica dell'omicida e se non vi dà fastidio scoprire subito la sua identità, allora questo libro fa per voi, altrimenti, lasciate perdere, vi rovinereste la lettura e non dareste la giusta attenzione al testo.
Buona lettura.




(Marianna Di Bella)


Prodotto fornito da Newton Compton Editori

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy