mercoledì 26 febbraio 2020

Recensione: "L'isola delle donne" - Roberto Bertinetti

l'isola delle donne, libri il nostro angolo di paradiso, mdb, recensione, donne, regno unito,
Titolo: "L'isola delle donne"

Autore: Roberto Bertinetti

Editore: Bompiani




9 ritratti.
9 storie.
9 vite.
9 donne inglesi che con la loro forza d'animo, tenacia e determinazione, hanno cambiato per sempre la vita politica, sociale e culturale del proprio Paese.


“...è venuto il momento di riconoscere che spetta alle donne il merito di aver ideato e difeso alcuni mutamenti di portata rivoluzionari in molti ambiti. Cambiando così per sempre il corso delle cose nei palazzi del potere, nel canone letterario, nelle regole di comportamento sociale.”
(citazione tratta dal testo)

In questo libro, Roberto Bertinetti prende in esame nove figure femminili che, nell'arco di quattro secoli, hanno cambiato la storia della Gran Bretagna, mettendo in crisi il patriarcato. Un processo lungo, lento e graduale che ha visto scardinare dall'interno, le idee e l'egemonia maschilista, utilizzando le loro vite, la loro forza e tenacia come esempio di cambiamento, influenzando e coinvolgendo ogni ramo sociale, culturale e politico di appartenenza.
L'autore studia, analizza e prende in esame nove donne diverse per estrazione sociale, tempi storici, modi di vivere e ha dedicato loro dei brevi ritratti da cui emergono la determinazione e la caparbietà nel cercare il loro posto nel mondo, diventando dei punti di riferimento per la gente, in ambito letterario, politico, sociale ecc.
Il testo inizia prendendo in esame la figura di Elisabetta I, donna e regina, ultima discendente dei Tudor. Una donna che ha dedicato la sua vita a rendere grande e potente l'Inghilterra, votando la sua esistenza ad un'unica missione: garantire il benessere al suo popolo. Dotata di rigore mentale, tenacia e grande virtù, ha scardinato la figura femminile dell'epoca, considerata solo come oggetto di piacere e scambio nei giochi di potere e alleanze politiche.
Dopo Elisabetta I, l'autore tratteggia la figura della regina Vittoria, una donna apparentemente timida e riservata, in realtà si è rivelata una donna determinata e con una grande forza di carattere. La regina non ha mai accettato l'idea di dover sottomettere la propria volontà a quella di uomo ed è diventata il simbolo della stabilità istituzionale e della determinazione nel perseguire il progresso per il benessere del suo popolo e di un'intera nazione.

“Non è l'impulso a guidare Vittoria, bensì la certezza di avere il diritto di garantire la felicità, senza sottostare alle regole di comportamento imposte alle signore in anni in cui la supremazia maschile è ritenuta incontestabile in ogni ambito. La regina infrange le regole consapevolmente.”
(citazione tratta dal testo)

Dopo di loro seguono le figure della principessa Diana, Jane Austen, Virginia Woolf, Agata Christie, Vivenne Westwood, Mary Quant e Margaret Tatcher che con il suo culto del dovere, spirito di sacrificio, rigidi principi e caparbietà ha governato e guidato un paese durante una grave crisi che l'ha vista in prima linea contrapporsi ai sindacati dei minatori. Un evento politico che ha monopolizzato per mesi e anni la politica britannica e mondiale rimanendo ferma nelle sue decisioni e comandando con polso fermo e rigido.
In questi ritratti, Roberto Bertinetti mette tutta la sua passione e il suo studio nel proporre nove donne caparbie e determinanti per il Regno Unito. La sua scrittura è fluida, accattivante, ma anche elegante, incisiva, ricca di notizie e particolari interessanti.
La lettura è scorrevole, leggera e stimolante, in grado di incuriosire e ammaliare il lettore.
Un libro interessante ed estremamente piacevole da leggere.
Un libro da custodire, non solo per chi ama la Gran Bretagna, ma per tutti coloro che vogliono scoprire meglio queste nove figure femminili e imparare da loro la forza e la tenacia nel perseguire i propri obiettivi, nel trovare il proprio posto nel mondo e lottare contro ogni forma di egemonia maschile e patriarcale.
Buona lettura.




(Marianna Di Bella)

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy