giovedì 27 giugno 2019

Recensione: "Evelina" - Fanny Burney

evelina, libri il nostro angolo di paradiso, mdb, recensione,
Titolo: "Evelina"

Autrice: Fanny Burney

Editore: Fazi Editore



Cosa accade quando una giovane signorina, educata modestamente, inesperta delle regole dell'alta società, si ritrova a vivere e scoprire un mondo totalmente opposto al suo, ricco di avvenimenti e sorprese?
Succede di imbattersi in piccoli incidenti, vivendo situazioni imbarazzanti al limite dell'assurdo.
La signorina in questione è Evelina, una giovane orfana cresciuta dal reverendo Villars, in un ambiente protetto, modesto e isolato, lontana dai fasti della società inglese.
La ragazza è educata, inesperta, ingenua, innocente, aggraziata, gentile nei modi, sempre pronta a compiacere gli altri. Purtroppo, tutte queste qualità non l'aiuteranno a contrarre un matrimonio conveniente con un ragazzo dell'alta società, a causa di un esiguo e misero patrimonio e un passato segnato non solo dalla morte precoce della madre, ma da un padre che non l'ha mai riconosciuta come sua legittima figlia.

Il suo reddito potrà renderla felice se è disposta a limitarsi a una vita ritirata, dato che non le permetterà affatto di godere i lussi di una gran dama londinese.”
(citazione tratta dal testo)

Per Evelina non è un problema, lei è contenta della sua vita tranquilla e serena, accanto a un uomo che l'ha amata al pari di un padre. Fino a quando la sua esistenza non verrà stravolta da una serie di avvenimenti inaspettati: il ritorno della nonna materna, un viaggio a Londra presso amici di famiglia e il contatto diretto con l'alta società londinese.
La ragazza si ritroverà a dover affrontare regole, consuetudini e atteggiamenti a cui non è abituata e da cui non sa destreggiarsi, provocando errori grossolani e situazioni imbarazzanti, fino all'epilogo finale che naturalmente vi lascerò scoprire da soli.

...è ora che la fanciulla veda un po' di mondo. Quando i giovani ne sono tenuti lontani con troppa severità, l'immaginazione vivace e romantica lo dipinge come un paradiso dal quale vengono sedotti; ma quando viene loro mostrato a tempo debito e in modo acconcio, lo vedono come realmente è: equamente ripartito tra la sofferenza e piacere, la speranza e la delusione.”
(citazione tratta dal testo)

Il romanzo è composto da lettere scritte prevalentemente dalla ragazza e indirizzate al reverendo, materiale che ci permetterà di scoprire le sue disavventure, le sue emozioni e i suoi pensieri. Pur essendo un romanzo epistolario, la trama si regge su dialoghi fitti e continui scambi di battute che ricordano le rappresentazioni teatrali.
I dialoghi sono pomposi e ricchi di retorica, spesso si fatica a comprenderne il significato, risultando noiosi e pesanti, così come noiosa e pesante diventa la lettura.
Il romanzo inizia bene, pieno di brio e situazioni divertenti e imbarazzanti, ma con il procedere della lettura i dialoghi pomposi, le continue e ripetitive gaffe della ragazza e la presenza di alcuni personaggi ridicoli e superficiali, rendono la storia pesante e claustrofobica. Tutto diventa un'esagerazione, perdendo, in questo modo, di credibilità e attrattiva e l'unico desiderio è riuscire a finire al più presto la lettura. A onor del vero, alcuni personaggi sono indimenticabili e brillanti, mentre altri sono ridicoli e artificiali, e la protagonista, che dovrebbe ricevere il favore del lettore è il personaggio che ho sopportato meno. L'ho trovata esagerata e troppo in tutto: troppo ingenua anche per il contesto storico, troppo superficiale, troppo debole e senza alcuna spina dorsale, troppo sfortunata negli eventi. Troppo.

Decidete voi per me, quindi, senza la minima preoccupazione che io possa essere inquieta o scontenta. Mentre sono ancora sulla corda, forse posso sperare, ma sono assolutamente certa che una volta avrete deciso, io non mi affliggerò.”
(citazione tratta dal testo)

Mi spiace, perché contavo molto sull'autrice Fanny Burney e la storia.
Peccato.
Come sempre lascio a voi la libertà di decidere se intraprendere o meno la lettura, nonostante il mio parere negativo.
Buona lettura!!


(Marianna Di Bella)


Prodotto fornito dalla casa editrice

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy