venerdì 28 giugno 2019

Recensione: "Donne coraggiose" - Soraya M. Lane

donne coraggiose, libri il nostro angolo di paradiso, mdb, seconda guerra mondiale, recensione, infermiere, amicizia, amore
Titolo: "Donne coraggiose"

Titolo Originale: "Wives of war"

Autrice: Soraya M. Lane

Editore: La Corte Editore




Londra, 1944.
In una stazione londinese, tra il via vai dei soldati in partenza per raggiungere le loro unità, e i civili in attesa dei treni che li condurranno lontani dai bombardamenti che da mesi e mesi stanno assediando la città, ci sono due ragazze vestite con eleganti uniformi grigie, mantelli e la fascia della Croce Rossa sul braccio. Sono le nuove infermiere militari, appartenenti al servizio infermieristico imperiale della regina Alessandra. Giovani donne volontarie addestrare per aiutare, assistere e sostenere i medici negli ospedali di guerra, portando conforto alle anime e ai corpi martoriati dei soldati.
Le due ragazze hanno da poco terminato il periodo di addestramento e stanno raggiungendo le loro unità di appartenenza; sono elettrizzate e impaurite al tempo stesso, le loro vite stanno per cambiare e l'unica cosa certa è la loro nuova amicizia, nata su quella banchina in attesa del treno che le condurrà verso il loro futuro.
Le due ragazze sono Scarlet ed Ellie, diverse caratterialmente e per estrazione sociale.
Scarlet appartiene all'alta società inglese, la sua vita è segnata da party e pic nic, ma il bisogno di affermare se stessa, di aiutare gli altri e il desiderio di ritrovare il fidanzato, ufficiale dell'esercito scomparso da settimane, l'hanno spinta verso la decisione di diventare infermiera volontaria, andando contro il volere della famiglia, che sognavano per lei un futuro roseo e un matrimonio degno del suo livello sociale e non bende, ferite e sangue. Ma Scarlet è convinta della sua scelta, è decisa a ritrovare il suo fidanzato e aiutare i soldati che stanno difendendo l'Europa e le vite di milioni di persone.

“Ora era molto di più di una ragazza in attesa di un uomo. Era un'infermiera, un'infermiera capace e sicura di sé che aveva messo da parte la sua posizione sociale per lavorare fianco a fianco con infermiere e dottori di tutti i tipi, per medicare qualsiasi soldato, a prescindere dalle sue ferite.”
(citazione tratta dal testo)

Ellie, invece, è irlandese e si è trasferita da soli cinque anni a Londra con la sua famiglia. È una ragazza solare, allegra e con una gran voglia di vivere. Anche lei, come i suoi tre fratelli, ha deciso di dare il suo contributo alla guerra, e fare l'infermiera volontaria le è sembrata la soluzione ideale.
Scarlet ed Ellie scopriranno che la loro destinazione è la regione della Normandia, cuore della battaglia e dello storico sbarco degli Alleati. Qui conosceranno Lucy, un'altra infermiera, il cui più grande desiderio è diventare medico. È una ragazza seria, attenta e scrupolosa nel suo lavoro; ha un carattere forte al punto da essere spesso il pilastro portante dell'amicizia delle tre donne.
Scarlet, Lucy ed Ellie stanno per intraprendere un viaggio che cambierà profondamente le loro vite. Un viaggio che le porterà a scoprire se stesse e la forza interiore che l'aiuterà a sopportare dolore e sofferenze.

“A volte mi chiedo se ci torneremo mai a casa. Quand'e che tutto questo finirà?”
(citazione tratta dal testo)

Cosa accadrà alle loro vite?
Riusciranno a tornare a casa sane e salve?
Quanto la guerra cambierà le loro anime, corrodendole in maniera irreparabile?
Difficile raccontarlo in poche parole, perché gli avvenimenti che si succederanno nel romanzo sono tanti e tutti influenzeranno la loro esistenza e la nostra lettura.
Le voci narranti delle tre ragazze si alterneranno nei capitoli, dandoci il loro diverso punto di vista, permettendoci di capire meglio le loro emozioni, i loro pensieri, dubbi e paure. Attraverso le loro esperienze personali, verremo a contatto con un lato della guerra poco conosciuto e affrontato nei romanzi: il duro lavoro delle infermiere. Costrette a lavorare seguendo ritmi frenetici, con pochissime pause per dormire e mangiare, perché lottare contro il tempo voleva dire salvare il maggior numero di soldati. Ma la morte, le ferite, le sofferenze e i continui bombardamenti hanno spezzato molte di loro, provocando dei veri e propri choc, perché nessuno essere umano è preparato al dolore e alla distruzione che la guerra porta con sé.

“Aveva oltrepassato la soglia della stanchezza, ecco tutto. Quella giornata era stata carica di lavoro e terrificante, e lei non aveva ancora avuto un minuto di tranquillità per rendersi conto di dove era e di cosa avrebbero dovuto affrontare. Ricacciò tutto giù, rifiutandosi di farsi sopraffare dalle emozioni. L'unico modo di continuare era andando avanti, erano queste le parole che doveva dire a se stessa.”
(citazione tratta dal testo)

Soraya M. Lane ha utilizzato le figure delle tre ragazze, non solo per raccontare il periodo storico, ma per mettere in risalto il duro lavoro delle infermiere, evidenziando la loro forza e determinazione. Ha alleggerito la trama, inserendo delle storie d'amore e portando quel senso di leggerezza di cui a volte si ha bisogno.
Si può pensare all'amore, quanto tutto intorno incombe solo morte, distruzione e bombardamenti? Devo essere sincera, ci ho pensato spesso durante la lettura e sono giunta alla conclusione che sì, è spesso vitale farlo perché è proprio in quei momenti tragici che ci si rende conto della brevità della vita e vivere un attimo di felicità, allevia i tormenti dell'anima.
La lettura è scorrevole e la scrittura è semplice, le ragazze sono descritte bene anche se all'inizio risultano un po' troppo superficiali, ma se l'intento era evidenziare il cambiamento psicologico che le tre ragazze dovranno affrontare allora è comprensibile.
Purtroppo ci sono errori grammaticali che rendono difficile e incostante la lettura.
Il romanzo non ha la pretesa di essere annoverato tra i romanzi storici, al contrario è un romanzo dove l'amore ha un ruolo fondamentale, ricordando che si può amare nonostante tutto, ma soprattutto è un romanzo dove la forza delle donne viene fuori in maniera positiva. Quindi se vi aspettate un romanzo storico lasciate stare, non è questo il liblro adatto a voi. Se, invece, cercate un romanzo leggero, romantico e piacevole in cui l'amore, l'amicizia e la speranza solo le protagoniste, ambientato durante la seconda guerra mondiale, allora è il libro per voi.

“Sorridi e il mondo vedrà la donna che tu vuoi che veda, a prescindere da come ti senti davvero.”
(citazione tratta dal testo)

“Donne coraggiose” è un libro che ha saputo regalarmi ore di lettura piacevoli, leggere e spensierate.
Buona lettura.



(Marianna Di Bella)


Prodotto fornito da La Corte Editore

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy