venerdì 29 settembre 2017

Recensione: "A me piace il Sud" - Alessandro Cannavale, Andrea Leccese

Titolo: "A me piace il Sud"
Autori: Alessandro Cannavale - Andrea Leccese
Editore: Armando Editore

Questione meridionale.
Quante volte questo termine è apparso ai nostri occhi durante gli anni scolastici, trovandolo sui testi di storia, geografia o su quelli universitari?
Quante volte lo sentiamo ripetere e affrontare, ogni giorno, nei telegiornali, nei dibattiti politici, tra le chiacchiere di amici e conoscenti?
Continuamente.
Le notizie di cronaca sono sempre e solo negative; concentrate solamente sulla criminalità, la corruzione, la disoccupazione, la carenza delle infrastrutture che dipingono un Sud allo stremo delle forze e irrecuperabile.
È realmente così? È questa la verità che vogliono farci vedere?
Scopriamolo con l'aiuto di questo libro interessantissimo. Un testo, che ha il pregio di non voler salire in cattedra e dare lezioni, su cosa va o non va nel Sud Italia, o fornendo soluzioni possibili e attuabili. Al contrario, è un libro che con semplicità e chiarezza, cerca di darci gli strumenti per guardare con occhi diversi ciò che ci circonda. Ci invita a comprendere meglio, a riflettere e approfondire le informazioni, spogliandoci di ogni pregiudizio e stereotipo.
I problemi ci sono, è innegabile, ma occorre prima di tutto prendere coscienza che tali questioni riguardano tutta la nazione.
Il Sud non è solo un problema, è una risorsa che dobbiamo imparare a vedere e soprattutto a sostenere con i fatti e non con le parole. Parole attraverso cui molti politici hanno costruito, negli anni, le loro campagne elettorali, promuovendo soluzioni e miglioramenti, per poi dimenticare tutto una volta saliti al potere; girando la testa dall'altra parte di fronte ai problemi, crendo così ulteriori danni.
Il Sud ha bisogno di verità e onestà intellettuale. Ha bisogno di spogliarsi degli stereotipi che aggravano la visione di alcune tematiche. Ha bisogno di porre ancora più in risalto gli esempi di chi lotta ogni giorno per migliorare le cose. Piccole gocce, in un vasto oceano che ridanno forza, positività, speranza e il giusto esempio da cui iniziare e continuare il percorso per migliorare le cose.
Alessandro Cannavale e Andrea Leccese hanno realizzato questo testo per aiutarci a comprendere meglio. In ogni pagina traspare tutta la passione, il calore e la conoscenza che i due autori hanno messo in questo libro.Il testo è scritto in maniera semplice e comprensibile a qualsiasi lettore. La scrittura è diretta, chiara e vera.
Il saggio è strutturato in due parti: nella prima parte i due autori ci aiutano ad entrare in modo graduale e semplice nella questione meridionale, dandoci le necessarie conoscenze politiche, storiche e sociali. Nella seconda parte del saggio, invece, ci sono le interviste a giornalisti, docenti universitari, scrittori, poeti, blogger, criminologi, medici, accademici, intellettuali. Interviste in cui ognuno di loro ha raccontato il proprio Sud, secondo la propria competenza, conoscenza e sensibilità. Diversi punti di vista per avere una visuale più ampia, ma soprattutto quell'onestà intellettuale che il Sud merita. Voci e interviste che ci fanno riflettere profondamente, su questioni che spesso ignoriamo e che invece dovremmo conoscere e in alcuni casi ricordare.
Basta con le scuse, le bugie, l'indifferenza. Occorre verità. Occorre agire, amare la propria terra e aiutarla.
Buona lettura.


(Marianna Di Bella)

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy