sabato 28 aprile 2018

Recensione: "Lo scrittore eterno muore ogni quarto d'ora" - Diego Cocco


Titolo:
"Lo scrittore eterno muore ogni quarto d'ora"

Autore:
Diego Cocco

Editore:
Edizioni Amande



Diego Cocco è tornato con un nuovo ed interessante libro. Un testo in grado di toccare le corde della nostra anima, regalandoci pensieri profondi e verità dolorose.
Il libro ci catapulta in un momento particolarmente difficile della vita del protagonista, impegnato a scrivere la sua prossima opera. E mentre cerca di scrivere e trovare l'ispirazione, i suoi pensieri prendono forma e vita adagiandosi tra le pagine di questo libro.
La vita quotidiana che lo circonda, diventa la materia prima delle sue riflessioni. Le sue considerazioni sono intense, profonde e per certi versi dolorose, perchè ci mettono di fronte ai problemi e ai paradossi della società odierna.

Ci hanno imbottiti di regole
e stiamo soffocando.”

In questa nuova opera, l'autore ha saputo coniugare poesia e prosa, donandoci un testo originale e profondo. Affrontando temi importanti, come ad esempio, il coraggio di vivere e di dire sempre ciò che ci pensa, la maledizione della verità e della realtà, la banalità nella vita e nella scrittura etc.

...alcuni ragazzi ci danno dentro con la tastiera ogni
notte
per mantenere viva la fiamma
e non essere sepolti
e non marcire del tutto nella banalità...”


Diego Cocco riesce con la sua scruttura graffiante a toccare la nostra anima, lasciandoci ogni volta spaesati e con la certezza che quelle parole e quelle frasi torneranno a colpirci nello stomaco, facendoci riflettere su alcune verità, più o meno celate e condivisibili.
Non abbiate paura e lasciatevi coinvolgere dal testo e dalla sua scrittura poetica e incisiva. Lasciatevi avvolgere dalle sue verità e dalle sue riflessioni.
Perdetevi tra le sue pagine, tra le sue parole e...buona lettura!!


(Marianna Di Bella)

Nessun commento:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili, verranno eliminati immediatamente

Privacy Policy